venerdì 13 settembre 2013

IL PANDORO CLASSICO

Ingredienti per un impasto da circa 1 Kg

Lievito di birra 18 gr
Farina Manitoba 450 gr
Zucchero 125 gr più un cucchiaio
Uova 3 intere e un tuorlo
Vaniglia i semini di 1 bacca
Sale 1 cucchiaino
Burro 170 gr
Latte 60 ml più tre cucchiai
Zucchero al velo, una busta

Preparazione:

Iniziamo con la preparazione del  lievitino,

cioè la base con cui formare gli impasti successivi. In una ciotolina fate sciogliere 15 gr di lievito di birra in 60 ml di latte tiepido , unite un cucchiaio di zucchero , il tuorlo ,
50 gr di farina e impastate per amalgamare bene il tutto . Coprite questo primo impasto e fate lievitare fino a far raddoppiare il tutto. Ci vorrà circa un'ora e mezza. Quando il volume dell'impasto sarà raddoppiato, fate sciogliere in tre cucchiai di latte 3 grammi di lievito di birra rimasti ed unitelo al lievitino ,aggiungete i 100 gr di zucchero , 1 uovo , amalgamate il tutto e versate questo impasto in una ciotola con 200 gr di farina e impastate aiutandovi con le mani o con un cucchiaio di legno.
Unite poi 30 gr di burro a temperatura ambiente e impastate fino a che non si sarà amalgamato all'impasto, ottenendo così un composto liscio. Coprite e fate raddoppiare il volume in luogo tiepido, ci vorranno circa due ore. Procedete poi con il secondo impasto. Unite altri 200 gr farina , le 2 uova, lo zucchero (25 grammi), sale, i semi prelevati dalla bacca di vaniglia e impastate di nuovo. Schiacciate l'impasto, ripiegatelo su se stesso e mettetelo in una ciotola unta con il burro e fate lievitare ancora fino al raddoppio , cioè almeno due ore. Poi mettete l'impasto a riposare in frigo per 8/12 ore.
Trascorso il tempo in frigorifero, rovesciate la pasta sul tavolo, tiratela con un mattarello formando un quadrato , distribuite al centro 140 gr di burro ammorbidito , portate i quattro angoli del quadrato al centro in modo da richiudere la sfoglia
Fate attenzione a richiudere bene i bordi della sfoglia in modo che il burro non fuoriesca , spianare delicatamente in un rettangolo e piegate in 3 e far riposare per 15-20 minuti in frigorifero. Riprendetelo, ripiegatelo nello stesso modo e far riposare in frigorifero per altri 15-20 minuti.
Spianate, ripiegate di nuovo e fate riposare in frigorifero per altri 15-20 minuti. Dopo l'ultimo riposo stendete l'impasto un'ultima volta, ripiegate i bordi verso il centro , e procedete formando una palla rigirando i bordi verso l'interno . Saranno dunque 4 le volte che dovrete ripiegare.
Quando la palla sarà formata ungetevi le mani con il burro e ruotate l'impasto sul tavolo arrotondando ancora l'impasto

.
Quindi imburrate un apposito stampo per pandoro alto 20 cm, da circa 1 kg di capacità e spennellatelo con il burro . Inserite l'impasto all'interno dello stampo imburrato, coprite lo stampo e lasciate lievitare finché la cupola uscirà dal bordo. Mettete su una teglia da forno posta nella parte inferiore una ciotolina d'acqua e infornate il pandoro facendolo cuocere in forno statico già caldo a 170°per 15 minuti, poi abbassate a 160° e lasciate cuocere per altri 50 minuti circa. Prima di sfornare il pandoro regolatevi per la cottura facendo la prova stecchino: pungete il pandoro se lo stecchino rimane umido lasciatelo ancora cuocere altrimenti sfornate il pandoro e lasciatelo raffreddare. Poi sformate il pandoro e cospargetelo con lo zucchero vanigliato.



Nota: Per questa preparazione ho seguito la ricetta di Giallozafferano, modificandone però i tempi di lievitazione. 

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie Cristina, vedrai che risultato, ti stupirà!

      Elimina
  2. Ci provo.... E vediamo... Brava Gabry!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci riuscirai senza dubbio! :) Grazie, un bacio!

      Elimina